Area Informativa / Policistosi ovarica o sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) e sterilità


La sindrome dell'ovaio policistico è la causa principale dell' assenza di ovulazione, ma quali sono i suoi SINTOMI?

  • Mestruazioni assenti (amenorrea) o poco frequenti (oligomenorrea)
  • Aumento dei peli superflui sul viso e sul corpo (irsutismo)
  • Acne
  • Sterilità da mancata ovulazione
  • Aborto spontaneo ricorrente.

In questo tipo di pazienti con policistosi agli ESAMI EMATOCHIMICI ED ORMONALI mostrano frequentemente:

  • Elevati livelli di ormone luteinizzante (LH) entro il quinto giorno dall'inizio del flusso mestruale.
  • Elevati livelli di ormoni androgeni che di solito sono presenti nella donna solo in bassa quantità ed a livelli maggiorni nei maschi.
  • Ridotti livelli di proteine che legano gli ormoni sessuali (SHBG : sex hormone binding globulin)
  • Lieve aumento di insulina e di insulinoresistenza (Resistenza cellulare alla azione dell'insulina)

Il QUADRO CLINICO DERMATOLOGICO nelle pazienti con sindrome dell'ovaio policistico è spesso insieme ai cicli irregolari motivo di consulto medico specialmente nelle ragazze. Si caratterizza per la presenza di:

  • Acne anche grave, persistente e tardiva a cui sono associate una pelle grassa e zone di iperpigmentazione (distrofia papillare pigmentaria)
  • Irsutismo. Più del 70% delle donne con la sindrome da ovaio policistico manifesta eccessiva crescita di peli, di solito sul viso, petto e addome.

TERAPIA della PCOS La terapia della sindrome dell'ovaio policistico tende a:
  • Ripristinare la ritmicità del ciclo mestruale
  • Ripristino di una normale ovulatorietà
  • Miglioramento delle complicanze dermatologiche

Rivestono un ruolo sempre più importante gli STILI DI VITA:
Per combattere l' insulino resistenza è necessario l'esercizio fisico o camminare a passo spedito almeno 40 minuti al giorno. Seguire una dieta a base di alimenti che hanno una velocità di ingresso degli zuccheri nel sangue lenta (basso indice glicemico) e che causino dunque un aumento della glicemia più moderato in seguito all'assunzione di quell'alimento.
PCO E RIPRISTINO DELLA OVULAZIONE
Oltre all'attività fisica ed alla dieta che rappresentano il principale trattamento, può prevedere la somministrazione degli ipoglicemizzanti orali come

  • Metformina
  • Inositololi
Se fallisce anche questo step si ricorre all'INDUZIONE DELL'OVULAZIONE che deve essere sempre gestita da medici esperti per non rischiare importanti complicanze. Si utilizzano perciò:
  • Clomifene citrato
  • Gonadotropine (ormone FSH)

PCOS E SINDROME DA IPERSTIMOLAZIONE OVARICA (OHSS) La sindrome dell'ovaio policistico mostra una eccessiva risposta alla stimolazione con le gonadotropine ed è alla base della sindrome da iperstimolazione ovarica una temuta complicazione della stimolazione ovarica farmacologica.
La PCOS va riconosciuta prima di eseguire una stimolazione follicolare multipla o una induzione dell'ovulazione per elaborare il protocollo di stimolazione più adeguato e ridurre il rischio di iperstimolazione.

Dott.ssa Monica Torti Biologa Servizio di Fisiopatologia della Riproduzione - Alma Res

www.stradaperunsognonlus.it - E-mail: info@stradaperunsognonlus.it

*